lunedì, 10 Agosto, 2020

Cos’è la neuroarchitettura

La neuroarchitettura applica il rigore scientifico delle neuroscienze al mondo del design, cercando di capire meglio come gli esseri umani percepiscono e sperimentano gli spazi costruiti a livello biologico. L’obiettivo finale è quindi quello di estrarre i risultati che possono poi essere applicati praticamente, dando un supporto scientifico alla progettazione di ambienti che modellano positivamente l’esperienza dell’utente.

Storia in breve della neuroarchitettura

Lo studio moderno della neuroarchitettura ha il potenziale per fornire le formule necessarie per progettare nel modo più efficiente l’ambiente per la salute umana e la felicità. Mentre lo studio scientifico dell’impatto dell’ambiente sul cervello è relativamente nuovo, il rapporto di fondo tra la mente e l’architettura è stato di intrinseco interesse per i progettisti nel corso della storia umana.

In realtà, gli esseri umani hanno inconsapevolmente attinto ai principi della neuroarchitettura per migliaia di anni.

La storia di Jonas Salk, creatore del vaccino antipolio, illustra questo punto. Dopo anni di lotte per trovare la cura della polio nel suo laboratorio di Pittsburgh, PA, Salk ha deciso di rifugiarsi nella Basilica di San Francesco d’Assisi, un monastero francescano del XIII secolo. Fu in questa tranquilla dimora che si schiarì la mente e scoprì la cura per la polio. Salk attribuì il suo monumentale ritrovamento all’ambiente circostante: il monastero e il suo progetto.

Perché la neuroarchitettura è importante

La neuroarchitettura cerca di rispondere a domande che hanno il potenziale di avere un impatto positivo sulla salute e sull’esperienza umana su larga scala. Man mano che la ricerca si espande, possiamo essere in grado di avere una maggiore comprensione scientifica, ad esempio, di quali tipi di spazi massimizzano l’apprendimento per i bambini in età elementare, favoriscano al meglio la guarigione dei pazienti in ospedale, o sostengano le esigenze di individui con Alzheimer o autismo.

L’applicazione delle neuroscienze all’architettura è unica in quanto fornisce gli strumenti scientifici e la tecnologia necessaria per studiare il rapporto tra l’uomo e l’ambiente costruito. Con questa comprensione sempre più ampia di come e perché l’uomo reagisce agli stimoli ambientali negli spazi costruiti, i risultati della neuroarchitettura forniranno sempre più le strategie e le decisioni progettuali.

 

La tecnologia nella neuroarchitettura

La tecnologia gioca un ruolo chiave nel futuro della neuroarchitettura. Le tecnologie leader nelle neuroscienze, comprese le tecniche di monitoraggio umano e la realtà virtuale uditiva e visiva, sono state modellate per adattarsi a molti degli obiettivi dell’architettura.

I ricercatori possono ora studiare l’attività cerebrale mentre le persone interagiscono con i componenti dell’ambiente costruito. L’elettroencefalogramma portatile per esempio fornisce un modo molto efficace per monitorare ciò che sta succedendo nel cervello, trasmettendo i dati in modalità wireless al computer del ricercatore. Se combinati con dati fisiologici come la frequenza cardiaca, questi risultati rivelano informazioni sullo stato mentale di una persona, sui livelli di stress e sui meccanismi di apprendimento mentre interagisce con lo spazio esterno.

Queste intuizioni sono cruciali per una comprensione più profonda di come un ambiente può avere un impatto su preoccupazioni come la salute, la produttività, la creatività, l’attenzione e le sensazioni di sicurezza.

Insieme a questi metodi di monitoraggio umano, l’utilizzo della realtà virtuale in architettura offre un mezzo per testare nuovi approcci progettuali e raccogliere dati oggettivi.

Con la rapida espansione di questo settore, continueremo a vedere la tecnologia come uno strumento chiave per rafforzare la metodologia basata sull’evidenza della neuroarchitettura e tradurla in strategie progettuali attuabili.

 

Dal laboratorio di ricerca all’edificio

La neuroarchitettura si trova nell’intersezione di campi distinti e come tale richiede una collaborazione interdisciplinare per avere successo.

Per sfruttare il potenziale della neuroarchitettura, la ricerca deve essere applicata ai progetti del mondo reale.

Ad esempio, mentre nel design la maggior parte delle stanze sono rettangolari, la ricerca che utilizza la realtà virtuale ha scoperto che la maggior parte delle persone riferisce di sentirsi meglio in stanze con bordi curvi piuttosto che diritti.

Questa traduzione della scienza in pratica, basata sull’evidenza, è fondamentale per far progredire e creare spazi che siano meglio attrezzati per adattarsi al nostro mondo moderno e soddisfare le sue diverse esigenze.

 

Il design del futuro

Man mano che lo studio della neuroarchitettura diventa più solido e migliora le pratiche basate sull’evidenza, il campo della progettazione sarà meglio attrezzato per raggiungere il suo obiettivo originale di creare spazi che migliorino i risultati umani e ambientali.

I dati utilizzati per la progettazione futura non dovranno più essere ricavati retrospettivamente da modelli o da indagini post.

Immaginate invece un mondo in cui i progettisti possano combinare proattivamente le informazioni sul contesto e la funzione di un edificio con la conoscenza della mente umana per massimizzare i benefici per l’utente e il benessere.

Articolo sulla neuroarchitettura

Esempi di neuromarketing nel retail

Immaginate un supermercato in cui lo scaffale del vino ottiene risultati non ottimali. Per migliorare le vendite, si...

MOST POPULAR

HOT NEWS